Il monastero di Bivongi ha celebrato il suo Santo protettore | S.E. Atanasie di Bogdania ha celebrato la Divina Liturgia

La 33ª domenica dopo Pentecoste (del pubblicano e del fariseo), il 25 febbraio 2024, Sua Eccellenza Atanasie di Bogdania, Vescovo-Vicario della Diocesi Ortodossa Romena d’Italia, ha celebrato la Divina Liturgia presso il Monastero di “San Giovanni Theristis” a Bivongi (Calabria), sotto la guida spirituale di Rev. Padre Iustin (Miheț), egumeno del monastero.

Nella predica, Mons. Atanasie ha evidenziato ciò che Cristo ha voluto trasmetterci attraverso la pericope evangelica della domenica, ossia la fugacità della vita. Il cammino verso la risurrezione del Signore non è altro che la preparazione alla vera vita, quella eterna, o in altre parole, il passaggio dal sesto giorno dell’uomo al settimo giorno, il giorno del Signore. Il gerarca ha sottolineato che da entrambi i personaggi del Vangelo, il pubblicano e il fariseo, dobbiamo imparare ciò che è necessario per la salvezza. Dal fariseo le buone opere, e dal pubblicano il pentimento, la preghiera e l’umiltà.

Il sermone può essere ascoltato, in romeno, qui.


Il Monastero di Bivongi, sotto il patrocinio di San Giovanni Theristis, è stato fondato nel 2008 dal Vescovo Siluan, in seguito all’affidamento del complesso monastico del Monastero di Bivongi alla Diocesi Ortodossa Romena d’Italia da parte del Consiglio Comunale di Bivongi per un periodo di 99 anni. Dal 2012 al 2019 si sono svolti ampi lavori di restauro della chiesa (chatolikon) e la costruzione di due nuove cappelle. Il 23 febbraio 2020, in occasione del 25° anniversario della rifondazione, si è svolta la benedizione dei lavori e l’inaugurazione dei nuovi locali.

Il monastero, dichiarato Monumento di interesse nazionale, comprende un complesso monastico di origine bizantina, composto da una chiesa in stile basilicale del X secolo e da diversi edifici di celle.

Dipartimento di Comunicazione e Immagine DORI