La celebrazione della Dormizione della Madre di Dio nel Monastero vicino alla sede della Diocesi Ortodossa Romena d’Italia

La celebrazione della Dormizione della Madre di Dio nel Monastero vicino alla sede della Diocesi Ortodossa Romena d’Italia

 

Con l’aiuto del Signore, domenica, 15 agosto 2021, con l’occasione della celebrazione della Dormizione della Madre di Dio, il Monastero del centro vescovile della Diocesi Ortodossa Romena d’Italia ha festeggiato la sua tredicesima festa patronale.

Con la benedizione di Sua Eccellenza, il Vescovo Siluan, della Diocesi Ortodossa Romena d’Italia, la celebrazione della festa patronale ebbe inizio sabato sera con la funzione della Veglia alla Madre di Dio, durante la quale le risposte liturgiche sono state intonate dal Coro vescovile “San Dionigi il Piccolo. La mattina della domenica, Sua Eccellenza, l’Arcivescovo Gheorghe di Michalovce e Kosice, della Chiesa Ortodossa delle Terre Ceche e della Slovacchia, ha officiato la Divina Liturgia insieme al Vescovo Vicario della nostra diocesi, Sua Eccellenza, Padre Atanasie di Bogdania, affiancato da un insieme di sacerdoti e diaconi.

In questa evenienza, durante il sermone, il Vescovo Atanasie ha parlato ai credenti della meravigliosa opera della Deipara nella vita della Chiesa: “La celebrazione di oggi ci fa scoprire da una parte il mistero della morte, che attraverso il sacrificio della Madre di Dio diventa dormizione, e dall’altra il mistero della vita, che diventa per tutti noi Risurrezione grazie al sacrificio sulla croce del Redentore”. Inoltre, sua Eccellenza, parlando della Vergine, ha aggiunto: “dal momento dell’Incarnazione della Parola, Lei diventa la vera Arca della Legge, in quanto attraverso di lei Cristo Si è fatto uomo simile a noi e ha convissuto tra di noi. L’obbedienza è la virtù che meglio caratterizza la Madre del Signore, come vediamo nel brano del Vangelo, dato che colui che ascolta e ubbidisce il Signore riceve la vita”.

Alla fine della Divina Liturgia, si sono svolti i saluti ufficiali, durante i quali sua Eccellenza, l’Ambasciatore George Bologan, si è rivolto alla nostra comunità evocando l’importanza della preghiera alla Madre del Signore durante questi momenti difficoltosi.

Sua Eccellenza, l’Arcivescovo Gheorghe ha rivolto un pensiero di ringraziamento all’intera comunità, trasmettendo anche la benedizione del Patriarca Ratislav  della Chiesa Ortodossa delle Terre Ceche e della Slovacchia.

Infine, Sua Eccellenza, Padre Atanasie di Bogdania ha ringraziato tutti gli ospiti e i fedeli presenti, ricordando un altro evento che il Patriarcato Romeno festeggiava quel giorno, ossia il compimento dei 150 anni dalla prima celebrazione dei romeni di ogni dove, un’iniziativa appartenuta al poeta nazionale Mihai Eminescu e alla sua generazione. L’evento storico è stato commemorato solennemente al Monastero Putna, sotto il nome “La Celebrazione di Putna – 150. La Continuità di un ideale”, dove sono stati presenti anche giovani della Diocesi Ortodossa Romena d’Italia.

Santa Maria madre di Dio, salva noi peccatori!